Servizi per l’adattamento degli Ambienti di Vita

Book Cover: Servizi per l'adattamento degli Ambienti di Vita

In Italia esistono alcune esperienze di servizi di informazione e consulenza per l’abbattimento delle barriere architettoniche nell'ambiente domestico: la scheda ne descrive un esempio, il SAV - Servizio per l'Adattamento degli Ambienti di Vita della Fondazione Brescia Solidale Onlus, ente di diritto privato senza scopo di lucro, istituito dal Consiglio Comunale di Brescia nel 2006.

SAV - Servizio per l'Adattamento degli Ambienti di Vita
della Fondazione Brescia Solidale 

A chi si rivolgeA chi necessita di informazioni e consulenza sull’accessibilità del domicilio: persone con disabilità, persone anziane, familiari, caregiver (coloro che prestano cura ed assistenza), operatori sociali e sanitari, enti, associazioni, tecnici. 

Cosa offreIntende rispondere alla domanda: “Come posso continuare a vivere nella mia casa quando le condizioni di salute, mobilità, autonomia e necessità di assistenza sono mutate?”. La risposta offerta prevede soluzioni su misura di adattamento dell’ambiente di vita, la proposta di arredi e ausili adeguati, la prefigurazione di soluzioni di automazione e dispositivi domotici per il controllo ambientale, informazioni relative alle agevolazioni e ai contributi di cui beneficiare.

Come funziona: A seguito di una valutazione delle autonomie residue della persona non autosufficiente e dei bisogni legati alla specifica situazione abitativa il SAV informa, facilita e orienta nell’individuare:

  • L’adattamento degli ambienti di vita alle particolari condizioni dell’interessato
  • Soluzioni per favorire l’autonomia nelle azioni di vita quotidiana
  • Ausili funzionali alle necessità espresse dalla persona
  • Soluzioni automatizzate e dispositivi domotici per il controllo ambientale (accesso all’abitazione, gestione citofono, controllo TV e satellitare, comando luci, riscaldamento, raffrescamento ...)
  • Contributi pubblici e agevolazioni fiscali disponibili per l’adattamento del domicilio (L.13/89) o per l’acquisto di ausili tecnologicamente avanzati (L.R. 23/99).

Si avvale di: un’équipe costituita da architetto, fisioterapista e geriatra che effettuano la valutazione mediante sopralluogo a domicilio. Se il caso lo richiede, si raccorda con gli operatori territorialmente competenti e si avvale di ulteriori consulenze (medico specialista, educatore professionale, terapista occupazionale, consulente per la comunicazione aumentativa alternativa, guida in orientamento mobilità ed autonomia personale per persone con disabilità visiva, consulente per le automazioni e i dispositivi domotici …).

Quando attivarlo:

  • Per migliorare l’accessibilità dell’ambiente domestico, l’autonomia delle persone con disabilità e la loro qualità di vita.
  • Per incrementare il benessere della persona non autosufficiente e di chi assiste ed accudisce.
  • Per contenere i ricoveri impropri.
  • Per prevenire gli infortuni attraverso il miglioramento della sicurezza dell’ambiente domestico.
  • Per favorire maggiore inclusione sociale.

Consulenza orientativaSopralluogo domiciliare; Prefigurazione della soluzione di abbattimento delle barriere architettoniche; Relazione di sintesi.

Contatti: via San Polo, 2 Brescia,  presso RSA Villa Elisa - tel.  030 8847580 -   cell. 3471458014 - sav@fondazionebssolidale.it

Sito webwww.fondazionebssolidale.it/i-nostri-servizi/sav-servizio-per-ladattamento-degli-ambienti-di-vita.

Approfondimenti:

Altre esperienze nazionali

Un glossario per l’Assistenza Primaria

Book Cover: Un glossario per l’Assistenza Primaria
Il gruppo di lavoro Primary Health Care” della Consulta degli Specializzandi SItI, biennio 2015-2016, ha avviato la produzione di “un glossario per l’Assistenza Primaria“.  
Chi vi ha lavorato attivamente (Paola Camiadi Parma, Concetta Randazzo di Bologna, Viola Amprino di Torino, Paola Anello e Michela Longone di Padova, Valentina Bonanno di Palermo, Cristina Mauceri di Catania, Tiziana Marzulli di Perugia, Laura Pisanu di Cagliari, Rossella Zucco di Catanzaro) mette a disposizione i materiali prodotti, che vengono progressivamente pubblicati online nell'apposita sezione, ogni volta anticipati da una APRIREnews.

Nello spazio discussione aperto per ogni termine definito è possibile segnalare eventuali errori, precisazioni, correzioni e a  suggerire ulteriori definizioni.

Segnalato da Paola Camia paola.camia@studenti.unipr.it.

Governare l’Assistenza Primaria: manuale per operatori di Sanità Pubblica

Book Cover: Governare l'Assistenza Primaria: manuale per operatori di Sanità Pubblica

Manuale:

Nel manuale convivono due anime: l’anima universitaria, con capitoli  rigorosi e supportati da bibliografia autorevole e coerente e l’anima operativo-organizzativa, con capitoli pragmatici e indicazioni operative supportate, in mancanza di  adeguate prove di efficacia, dall’esperienza degli autori: diverse esperienze e diverse scuole con  convergenza verso contenuti forti e condivisi e  l’identificazione di quelli che potrebbero diventare argomenti di studio e di  ricerca della materia Assistenza Primaria.

Il Manuale è suddiviso in quattro parti.

  1. Cos’è l’Assistenza Primaria, quale è il  contesto epidemiologico odierno a fronte della transizione demografica in corso e con quali sono le figure professionali coinvolte: medici -di Medicina Generale, di Pediatria di Famiglia, di Continuità Assistenziali-, Infermieri, Ostetriche, Assistenti Sociali, Fisioterapisti, Psicologi…
  2. Come governare l’Assistenza Primaria e con quali strumenti: nei Distretti Socio-Sanitari in raccordo con i Comuni e le comunità locali, supportando la comunicazione e la formazione continua con dispositivi e meccanismi informativi che facciano sistema, nel rispetto delle norme dei diversi settori, Convenzioni Nazionali, Specialistica Ambulatoriale, Farmaceutica, Protesica, Integrativa.
  3. La presa in carico. La terza corposa sezione è dedicata alla sfidante area di lavoro che coinvolge appieno l’Assistenza Primaria: la presa in carico delle malattie croniche, siano esse ad elevata prevalenza,siano riferite a malati con bisogni assistenziali complessi o con necessità di approccio palliativo.
  4. Stili di vita. Infine, una traccia per portare le persone a divenire protagonisti attivi nella salvaguardia del proprio patrimonio di salute, attraverso percorsi personalizzati sostenuti dall’Assistenza Primaria, finalizzatati alla partecipazione attiva e competente nella gestione dei propri problemi di salute ma, ancor prima, all’adozione di stili di vita a valenza preventiva.

Editore: Bruno Mondadori – Pearson - Acquistabile tramite circuito librario nazionale e on line (€ 29)

Segnalato da Fulvio Lonati - fulvio.lonati@gmail.com

Io Caregiver dalla A alla Z

Book Cover: Io Caregiver dalla A alla Z

Io caregiver dalla A alla Z: storie, suggerimenti, emozioni, informazioni ... e altro

Raccoglie e analizza, in ordine alfabetico, parole che ricorrono nell'esperienza dei caregiver familiari, con l'obiettivo che si possano riconoscere nelle emozioni, nel bisogno di informazione, nei problemi e nelle soddisfazioni che può dare il “lavoro” di cura. 

Le situazioni e le esperienze di vita, di salute, di malattia, di assistenza sono una diversa dall’altra; possono riguardare neonati, bambini, ragazzi, adulti, anziani, con o senza prospettive di guarigione: la rubrica offre la possibilità di trovare la parola di cui si ha bisogno in un determinato momento per capire qualcosa di più di ciò che si sta provando, sentendo, vivendo o per avere indicazioni concrete su "come muoversi".

Pubblicazione realizzata dall’Azienda Sanitaria Locale di Brescia 

Autori: Silvia Biatta, Silvia Ciaccio, Mariella Corti, Simonetta Di Meo, Donatella Galizzi, Fulvio Lonati

Segnalato da Fulvio Lonati - fulvio.lonati@gmail.com

Metodologie e strumenti per la gestione delle cure primarie

Book Cover: Metodologie e strumenti per la gestione delle cure primarie
Manuale orientato alla definizione del profilo professionale ed allo sviluppo di strumenti di lavoro del medico di sanità pubblica con compiti di coordinamento/direzione delle cure primarie e dei servizi sanitari territoriali.
Argomenti trattati: Sistemi informativi; Governo Clinico; ADI; PDTA; Educazione terapeutica; Governo assistenza protesica e farmaceutica; PDF; Continuità assistenziale; Comunicazione, formazione e aggiornamento.
Realizzato dalla Sezione Lombardia della SItI, Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica a seguito del  percorso  di formazione e confronto professionale, realizzato nel 2011-2012, con apporti collaborativi dei partecipanti.
A cura di: Scarcella C e Lonati F.
Editore: Maggioli, 2012 - 374 pagine - Acquistabile tramite circuito libarario e on line - € 20,00

Segnalato da Fulvio Lonati - fulvio.lonati@gmail.com

Accedi al manuale