Il modello Portoghese delle Cure Primarie

Il Portogallo, in concomitanza allo sviluppo socio-economico degli ultimi 30 anni, ha innovato il proprio sistema sanitario ottenendo positivi risultati, allineandosi alla media dei paesi dell’Unione Europea in molti indicatori di salute.

Particolarmente interessante è il modello delle Cure Primarie, oggetto dei documenti raccolti nella scheda informativa online dedicata:

  • Il Sistema Sanitario Portoghese (Mauro Serapioni – contributo su Salute Internazionale)
  • Medicina di Famiglia in Portogallo (Fabrizio Cossutta):
    • Contributo su Salute Internazionale
    • Presentazione a schemi (incontro14/02/2021 del progetto “Verso il Libro Azzurro”)
    • Videoconferenza (incontro14/02/2021 del progetto “Verso il Libro Azzurro”):
      • Le origini del servizio sanitario portoghese
      • 1990 – Il Livro Azul
      • 1996 – I progetti alfa: equipe multiprofessionali di piccole dimensioni spontanee
      • 2005 – La riforma delle Cure Primarie
      • Le USF – Unidades de Saude Familiar
      • Il rapporto di lavoro nelle USF
      • Il Sistema informativo
      • Gli ACES – Centri di salute di 3^ generazione
      • Infermiera/e e segretaria/o clinica/o
  • La formazione in Medicina Generale in Portogallo (Arianna Borelli)
    • Contributo su Salute Internazionale
    • Videoconferenza (incontro14/02/2021 del progetto “Verso il Libro Azzurro”)

Case della Salute/Comunità in Italia: dove siamo e dove vogliamo andare

Mercoledì 5 Maggio 2021

WEBINAR

PROGETTO ENhANCE – Conferenza Finale 6 & 20 Maggio 2021

Il progetto ENhANCE promuove lo sviluppo del Curriculum Europeo dell’Infermiere di Famiglia e di Comunità affinché sia il riferimento, a livello europeo, per la formazione specialistica.

L’infermieristica di famiglia e di comunità può essere considerata un investimento efficiente nell’assistenza primaria, nel miglioramento della salute pubblica e degli outcomes degli assistiti.

I principali risultati di ENhANCE saranno presentati nel progetto Final Conference in due eventi Zoom online:

Giorno 1: giovedì 6 maggio |9:30-11.40
Presentazione del Curriculum Europeo dell’Infermiere di Famiglia e di Comunità. Gli istituti di istruzione che hanno pilotato il progetto riportano esempi concreti di applicazione ai propri contesti e bisogni specifici, con l’obiettivo di accogliere il feedback dei partecipanti per garantire una maggiore diffusione del progetto in tutta Europa.

Giorno 2: giovedì 20 maggio |10:00-11.40
Tavola rotonda sulle principali prospettive degli stakeholders riguardo a come l’IFeC sia in grado di soddisfare le esigenze degli assistiti, delle famiglie e della comunità ed essere una risorsa per l’assistenza di base integrata.

Clicca qui per accedere alla scheda informativa e per registrarti al Webinair

Educazione terapeutica e riabilitazione

Lunedì 26 Aprile 2021

E’ pubblicato online il 22° capitolo del Manuale per operatori “Educare alla salute e all’assistenza” redatto da Paolo Boldrini, Rodolfo Dalla Mora, Stefania Fugazzaro, Maurizio Massucci, Alberto Pietrobon, Sara Regazzo

Indice

Appello al Presidente Draghi per inserire la Proposta del Network NonAutosufficienza nel PNRR

Venerdì, 23 Aprile 2021

 

Dalla lettera di appello, sottoscritta anche da APRIRE 

Egregio Presidente Draghi, 
Egregi Ministri Orlando e Speranza,

il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza discende dalla decisione della Commissione Europea di fornire agli Stati membri uno strumento potente per fronteggiare l’impatto della pandemia. Sarebbe paradossale, dunque, che un Piano nato per rispondere a una tragedia dimenticasse proprio gli anziani non autosufficienti, cioè coloro i quali ne hanno pagato il prezzo maggiore. Tuttavia, nell’attuale versione del PNRR, manca un progetto specifico a loro rivolto.

Il Network Non Autosufficienza ha elaborato una dettagliata proposta in merito, da inserire nel Piano. L’obiettivo consiste nello sfruttare questa occasione per avviare il percorso di quella riforma nazionale dell’assistenza agli anziani non autosufficienti attesa dalla fine degli anni ’90, quando si cominciò a discuterne in sede tecnica e politica, ma che non è stata mai introdotta.

…La proposta prevede: I) la semplificazione dei percorsi per accedere agli interventi pubblici, affinché si ricomponga l’attuale caotica molteplicità di enti, sedi e procedure differenti; II) un’ampia riforma dei servizi domiciliari, perché rispondano alle varie problematicità legate alla non autosufficienza e diventino un effettivo punto di riferimento per le famiglie e, in particolare, per i caregiver; III) un investimento straordinario per migliorare quelle strutture residenziali che necessitano di essere ammodernate e riqualificate, come hanno dimostrato le vicende della pandemia.

…Siamo, dunque, a chiedervi che l’interesse mostrato si traduca in un impegno concreto: che il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza contenga questo progetto di riforma dell’assistenza agli anziani non autosufficienti di cui il nostro Paese ha urgente bisogno.”

 

     Accedi alla scheda informativa per:

  • scaricare la Proposta, nella versione sintetica o integrale
  • prendere visione della lettera di appello nella versione integrale e delcomunicato stampa di Cittadinanzattiva
  • aderire alla Proposta