Sostieni APRIRE!

Per noi di APRIRENetwork e per tutte le associazioni no profit il 5×1000 è un importante sostegno per poter continuare e sviluppare la nostra attività di informazione, comunicazione e connessione con le differenti aree del mondo sanitario e socio sanitario!

Per essere sempre aggiornati in tema di Cure Primarie, l’aiuto di tutti voi che seguite APRIRE è prezioso. Il 5×1000 è un gesto solidale che non costa nulla!

Destina il tuo 5X1000 ad APRIRE

Come?

Accedi alla sezione dedicata alla “Scelta per la destinazione del cinque per mille dell’IRPEF” della tua dichiarazione dei redditi (730, Modello CUD e Modello Unico).

Firma nello spazio dedicato a: “Sostegno del volontariato e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale”.

Inserisci il codice fiscale dell’Associazione APRIRE: 98183960172

Non autosufficienza: quale riforma?

Lunedì 18 Aprile 2022

In vista della prossima presentazione della proposta di legge delega sulla riforma della non autosufficienza, prevista dal PNRR, si è tenuto un importante confronto pubblico online, promosso dalla rivista Vita.
Riscontrando forti convergenze, specie sulla necessità di puntare ad un unico sistema che integri sociale, sanitario e previdenziale, i partecipanti hanno presentato le proposte delle realtà che rappresentavano:

  • Livia Turco, presidente della Commissione istituita dal Ministero del Welfare,
  • Monsignor Vincenzo Paglia, presidente del Comitato di coordinamento interministeriale istituito dalla Presidenza del Consiglio,
  • Cristiano Gori, coordinatore del “Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza” a cui aderisce anche APRIRE.
Accedi ai documenti presentati e al video dell’incontro
dalla scheda online

L’esperienza delle Microaree di Trieste

Lunedì 11 Aprile 2022

Dal 2005 l’Azienda per i Servizi Sanitari n. 1 “Triestina” ha realizzato, in collaborazione con il Comune e l’Azienda Territoriale per l’Edilizia Residenziale, il progetto delle “Microaree”: interessa piccole frazioni di 500-2500 abitanti ed è volta a garantire aiuti diretti in ambito sanitario e a sviluppare relazioni di aiuto tra i cittadini e sinergia tra i servizi.

Dalla scheda informativa accedi a:
video-documentario
presentazione-valutazione dell’esperienza